Borago_officinalis_flower_benessererboristico.it_dott._Francesco_Marino-scaled

Borragine: pianta alimurgica da saper distinguere e conoscere meglio

Antipiretiche e antinfiammatorie, tutte le proprietà e i benefici della Borago officinalis L. ingrediente fondamentale della cucina tradizionale contadina.

di Francesco Marino

“Ego borago, gaudia semper ago”

Plinio il Vecchio

Borago officinalis L. è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Boraginaceae.
Dal fusto eretto alta sino a 70 cm, le foglie alla base, si presentano con la lamina ovato-lanceolata, dalla nervatura molto incisa e dal margine dentato sormontate da un lungo picciolo.
Salendo verso l’apice, il fusto si ramifica, accompagnato da foglie ora brevemente picciolate mantenendo sempre le stesse caratteristiche morfologiche di margine e lamina.

Dal colore azzurro vivo, i fiori si presentano da Aprile ad Agosto (in alcune zone è probabile ritrovarla in fiore anche in altri mesi dell’anno) all’apice del fusto nella caratteristica infiorescenza terminale scorpioide.

L’intera pianta è caratterizzata dalla presenza di peli rigidi, dal colore bianco, visibili ad occhi nudo che la rendono ruvida al tatto.

La droga della specie officinale è rappresentata dalle foglie, dai fiori e dai semi. Pianta officinale diffusa in tutta la regione mediterranea, presente fra 0÷800 mt, il suo habitat è costituito da terreni ruderali, umidi, sabbiosi o argillosi.

Borago officinalis L. è una delle piante più apprezzate dai raccoglitori spontanei. Conosciuta già in epoca romana il suo utilizzo nei popoli del mediterraneo è confermato dalle indagini etnobotaniche mirate ai piatti della cucina tradizionale e agli aspetti terapeutici, utilizzata come sudorifero, emolliente e nella cura di tosse e polmonite.

Specie mangereccia costantemente presente nei manuali delle piante alimurgiche, spesso viene accidentalmente confusa con la specie Mandragora autumnalis Bertol., quest’ultima entità estremamente tossica, non commestibile.

Etimologia

Borago: dall’arabo “abou rach” padre del sudore, con riferimento alle proprietà sudorifere della pianta;
Borago: dal latino “burra” stoffa grossolana pelosa, con riferimento ai peli caratteristici che ricoprono il fusto e le foglie;
Borago: da “barrach” parola celtica che significa uomo coraggioso;


officinalis: da offícina laboratorio medioevale dove venivano studiate e trasformate piante usabili in farmaceutica, erboristeria, liquoristica, profumeria e simili.

Proprietà

Ricchi di acido oleico, linoleico, linolenico, omega-3 e omega-6, i semi presentano proprietà antinfiammatorie, antiipertensive e ipocolesterolemizzanti.


L’olio
dei semi  è utile nella terapia dell’artrite reumatoide, rimedio naturale anti-age nel trattamento dell’invecchiamento cutaneo, ridona e mantiene l’elasticità della pelle, trova impiego a livello topico nella cura di dermatiti atopiche, eczemi e patologie cutanee causa di pelli secche e screpolate.


Utilizzate nella medicina popolare per le proprietà Antiipertensive, antipiretiche, emollienti, depurative, diuretiche le parti aeree di Borago officinalis L. trovano impiego anche nei trattamenti della tosse e delle polmoniti. Il profilo metabolico indica la presenza di mucillagini, fenoli, flavonoidi, Sali minerali e alcaloidi pirrolizidinici: licopsamina, 7-acetil-licopsamina, amabilina, supinina (nelle foglie e nel fusto) e tesinina (nei fiori).

Formulazioni Erboristiche

I principali preparati erboristici derivati dalla specie Borago officinalis L. sono:

  • Concentrato Oleoso (olio dei dei semi spremuti a freddo).
  • Unguento (olio dei semi spremuti a freddo, cera d’api e olio essenziale).

Controindicazioni

I costituenti alcaloidi pirrolizidinici presenti nelle parti aeree della pianta sono indicati come causa di presunta epatotossicità, per cui se ne sconsiglia l’utilizzo in gravidanza, e in soggetti particolarmente sensibili o con danno epatico in corso.
L’olio dei semi non contiene alcaloidi pirrolizidinici.

Nelle parti aeree la quantità di alcaloidi pirrolizidinici è bassa da non provocare tossicità acuta, se ne consiglia comunque di consumarla in modo parsimonioso e tenendo sempre presente le parole di Paracelso
omnia venenum sunt nec sine veneno quicquam existit. dosis sola facit ut venenum non fit.[trad. ogni cosa è veleno, non esiste cosa che non lo sia. Solo la dose fa sì che (una sostanza) non divenga veleno]

Borago officinalis L.

Raccolta e Consumo

La specie Borago officinalis L. è confusa accidentalmente con la specie Mandragora autumnalis Bertol, specie non commestibile, già nota in antichità come pianta sacra e magica, gli effetti collaterali dati dal suo consumo sono molto gravi per il nostro organismo, in grado di portare al coma.

Sulla Newsletter – Sentieri di Benessere Marzo 2020 alla pagina 4 è disponibile la Scheda Tecnica con le due specie a confronto.
Clicca sul tasto per vederla e scaricarla!

Iscriviti alla Newsletter

Newsletter_benessererboristico
Entra subito nella community di benessererboristico.it e ricevi:
• "Sentieri di Benessere": tra temi, voci e righe di benessere, lo spazio di incontro e confronto in collaborazione ad una fitta rete di professionisti, dedicato alle tematiche, agli aspetti e alle caratteristiche che si muovono dietro il benessere.
• I nuovi articoli del mio blog, direttamente nella tua casella email.
• Anteprime e Novità per il tuo benessere naturale.

Borragine tra storia e curiosità

Veniva usata dagli antichi Romani in aggiunta al vino per curare la malinconia e la tristezza.

I Celti la utilizzavano per dare coraggio ai guerrieri per affrontare i nemici in battaglia.

Plinio, nell’opera Naturalis Historia, la chiamava Euphrosinum, come attesta l’antico verso “Ego Borago – Gaudia semper ago” perché rende l’uomo euforico e felice.

Plinio riteneva inoltre, che la Borago fosse il famoso Nepente, cheOmero cita nel libro IV dell’odissea e che mescolata al vino dava allegria ed oblio.

Marziale la considerava l’unica erba capace di rallegrare il cuore dell’uomo, e al tempo stesso, qualora la si mangi sovente, di dargli forza e audacia.

John Gerard, nel suo ‘The Herbal Or General History of Plants’ riporta il detto Ego borago, gaudia semper ago, che significa ‘Io, borragine, porto sempre l’allegria.

Molto ricercata dai tintori, i fiori messi a macerare nell’aceto lo rendevano aromatico e gli cedevano il loro colore azzurrino.

Nel Medioevo si pensava che la Borragine aumentasse la portata lattea delle puerpere, per cui in certe zone veniva chiamata “erba delle balie”

Tradizionalmente la pianta era usata per decorare le case in occasione dei matrimoni.

Il Tranchina, nell’opera L’Isola di Ustica MDCCLX ai nostri giorni (1886), così la descrive: “pianta a fiori ordinari, celesti; ha le foglie scabre; serve di cibo nonché a vari usi medicinali; è un’erba eminentemente fresca.”

Altre due specie prendono il nome di Borago entrambe endemiche della regione Sardegna:
Borago morisiana Bigazzi e Ricceri – Borragine di Moris, che si distingue per essere pianta interamente ricoperta di peli ispidi, con foglie lanceolate riunite rossetta basale, infiorescenza composta da piccoli fiori bianchi, campanulati, frutti capsule troncate alla base con strie longitudinali di color nerastro. Endemica della Sardegna.
Borago pygmaea (DC.) Chater & Greuter – Borago di Sardegna, che si distingue per essere pianta perenne, fiori azzurri, corolla con tubo cilindrico e lobi brevi. Endemica della Sardegna.

In campo agricolo si ritiene che eserciti la funzione di tenere i bruchi alla larga dalle piante di pomodoro.

La cenere ottenuta dalla combustione degli steli secchi, dato l’alto contenuto di minerali, fornisce un ottimo concime ecologico ed economico.

E’ utilizzata in cucina nella preparazione di frittate, zuppe, minestre, risotti e come contorno in secondi piatti.

Condividi sui social

Bibliografia        

Acta Plantarum, 2007 in avanti – Progetto open source finalizzato allo studio della Flora spontanea d’Italia. Disponibile on line 11/10/2019: http://www.actaplantarum.org/.

Bandonien D. et all 2002, The detection of radical scavenging compounds in crude extract of borage (Borago officinalis L.) by using an on-line HPLC-DPPH method, Biophysical Methods Volume 53, Issues 1–3, October–November 2002, Pages 45-49.

Dodson C. D. et all 1986, Pyrrolizidine Alkaloids from Borage (Borago officinalis) Seeds and Flowers, J. Nat. Prod. 1986, 49, 4, 727-728.

Farhadi R. et all 2012, Pharmacology of Borage (Borago officinalis L.) medicinal plant, International Journal of Agronomy and Plant Production 2012 Vol.3 No.2 pp.73-77 ref.15.

Karimi E. et all 2017, Borago officinalis L. flower: a comprehensive study on bioactive compounds and its health-promoting properties, Journal of Food Measurement and Characterization volume 12, pages826–838(2018)Cite this article.

Mhamdi B. et all 2009, BIOCHEMICAL CHARACTERIZATION OF BORAGE (BORAGO OFFICINALIS L.) SEEDS, Volume33, Issue3 June 2009 Pages 331-341.

Mohajer S. et all 2016, Phytochemical constituents and radical scavenging properties of Borago officinalis and Malva sylvestris, Industrial Crops and Products, Volume 94, 30 December 2016, Pages 673-681.

Mozaffari Nejad A. S. et all 2013, Ethnobotany and folk medicinal uses of major trees and shrubs in Northern Iran, Journal of Medicinal Plants Research Vol. 7(7), pp. 284-289, 17 February, 2013

Pereira C. et all 2011, Nutritional composition and bioactive properties of commonly consumed wild greens: Potential sources for new trends in modern diets, Food Research International, Volume 44, Issue 9, November 2011, Pages 2634-2640.

Salerno V. 2009, La Borragine, Lettera del Centro Studi e Documentazione Isola di Ustica n. 32-33 maggio-dicembre 2009.

Wettasinghe M. et all 1999, Antioxidant and free radical-scavenging properties of ethanolic extracts of defatted borage (Borago officinalis L.) seeds, Food Chemistry Volume 67, Issue 4, December 1999, Pages 399-414.

I contenuti in questo articolo sono presentati a solo scopo informativo, non sostituiscono il rapporto diretto tra medico e paziente e in nessun caso possono costituire la diagnosi o la prescrizione di un trattamento. Prima di assumere un integratore alimentare o un farmaco consultare sempre un medico o uno specialista. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito all’uso che gli utenti potrebbero fare delle indicazioni riportate nell’articolo stesso.

Potrebbero interessarti anche: