Dr.-Francesco-Marino-Erborista

Porto dentro l’aria buona della mia montagna, la purezza delle sue sorgenti e le frescure delle sue foreste che, toccate dallo zefiro primaverile, sembrano far respirare l’incanto di quel luogo.
Testimone di epoche lontane, agiata nel cuore del Mediterraneo, la Sila si presenta agli occhi del visitatore regalando emozioni e sensazioni uniche.
Vivere in prossimità del bosco sacro del Monte Giove, luogo di culto già noto alla popolazione degli Enotri, ha determinato in me la piacevole contaminazione di antiche pratiche e saperi sull’utilizzo delle piante a scopo curativo e alimurgico. Fu proprio lì, nel portento della vegetazione vetuste e nella ricchezza delle piante officinali presenti sul Monte, che gli antichi Greci individuarono un sito atto ad azioni rituali e mistiche proprie della sfera dei pharmaka che nel tempo si sono tramandate e conservate nei popoli di questa terra.
Sono cresciuto in un contesto familiare dove, la tradizione della raccolta delle piante spontanee ha da sempre sposato il culto e il rispetto della montagna, fin da piccolo l’osservare gli intimi meccanismi che muovono il mondo naturale ha accresciuto in me meraviglia e passione. Le stesse che nel corso degli anni mi hanno spinto ad indagare e approfondire la materia erboristica nel dettaglio sotto un profilo accademico, prima all’Università della Calabria, dove nel dipartimento di Farmacia e Scienze della Nutrizione ho conseguito il titolo finale di studi in “Etnobotanica dei pascoli silani” e successivamente all’Università di Pisa concludendo il ciclo di studi in Scienze dei Prodotti Erboristici della Salute con tesi sperimentale dal titolo “Il frutto del baobab (Adansonia digitata L.) come fonte di sostanze bioattive” che ha visto lo svolgimento di uno studio finalizzato all’analisi qualitativa mediante cromatografia liquida accoppiata alla spettrometria di massa (LC-MS), della polpa del frutto del baobab, in un progetto di Cooperazione Internazionale fra l’Italia e il Mali.
Il mio “erborare” mi ha condotto nel corso degli anni a collaborare con piccole aziende e laboratori artigianali riuscendo ad apprendere così tecniche di coltivazione, raccolta, lavorazione delle piante officinali relative all’antica tradizione erboristica, perfezionando così le conoscenze nel campo della trasformazione delle stesse nei principali prodotti erboristici. Tecniche che curo e perfeziono nella raccolta e trasformazione di piante officinali, e custodisco nel tempo. Osservare, approfondire ed esaminare il mondo delle piante, i principi attivi e le proprietà benefiche in esse contenute è un viaggio che mi ha condotto all’interno di un sentiero verde in uno spazio nel quale è possibile non vedere mai la fine. Contemporaneamente questa indagine, questo mio scoprire, è strettamente rapportata all’aspetto olistico della vita e del benessere dell’essere umano, in relazione agli aspetti d’insieme che si intersecano nel mondo dei viventi nell’armonia della cura integrata. Erborista – Docente Formatore e Consulente nel campo erboristico e fitoterapico – Cultore dell’Etnobotanica. Mi occupo di formazione nel campo olistico per operatori afferenti alle discipline del benessere e bionaturali, svolgendo nella figura di docente, corsi di Erboristeria, Fitoterapia, Fitoaromaterpia e Passeggiate Erboristiche, in Italia e all’estero con il sostegno di enti, centri e associazioni olistiche e ayurvediche. Collaboro come Docente di Erboristeria nella Scuola di Naturopatia Superiore ABEI presso il Centro Zohar.