Castagna_Frutto_Castanea_sativa_Mill._benesserboristico.it_Dott._Francesco_Marino

Castagno: l’albero del pan…e della salute

Farina glutan-free, gemmoderivati e tanti benefici per la nostra salute da parte della specie Castanea sativa Mill.

di Francesco Marino

L’arrivo dell’Autunno caratterizza il paesaggio naturale, dal fascino del fall foliage alla bontà dei frutti di stagione, uno tra tutti la castagna.
Castanea sativa Mill. è una pianta dioica appartenente alla famiglia delle Fagaceae. L’albero alto 5÷25 m, presenta un tronco robusto, molto ramificato. Le foglie maschili giallo-verde chiaro riuniti in amenti eretti e lunghi, alla base dei quali si trovano i fiori femminili solitari o raggruppati a 2-3, contenuti nella cupola. I frutti, le castagne, sono acheni (castagne) contenuti in numero di 1-3 nella cupola spinescente. comunemente detta riccio, di colore verde dapprima, giallo-marrone a maturità. Alla specie appartengono piante molto longeve, alcuni individui presenti nel territorio nazionale superano i 500 anni di età. La pianta originaria dell’Asia minore, si diffuse in tutte Europa in età preromanica.

Il Castagno ha rappresentato una grande fonte di sussistenza per le società montane del secolo scorso, Intorno alla pianta ruotava la vita di intere comunità; a fine Ottocento l’importanza della pianta nella società europea riveste un ruolo cruciale, si arriva a coniare il termine “Civiltà del castagno”.
Oltre all’utilizzo dei frutti e della farina che rappresenta un prodotto glutan-free, sono presenti formulazioni erboristiche della specie per il trattamento della tosse convulsiva, e negli edemi di origine linfatica.

Etimologia:

Castanea: dal nome latino del castagno, probabilmente derivato da Kastanáia villaggio della Tessaglia famoso per le sue piante;
sativa: da satum (participio passato di sero seminare, piantare) seminato, piantato: che si semina o pianta, coltivato, domestico.

Castanea sativa Mill. Albero

Proprietà

Il Castagno rappresenta una fonte di benessere per la nostra salute.

Il frutto: noto con il nome di castagna, è nutriente e digeribile, fonte di sostanze biologicamente attive fondamentali per una sana alimentazione. Basti pensare che 100 g di castagne fresche apportano circa 160 Kcal, inoltre presentano un contenuto di fibra pari al 7-8%, un apporto di glucidi zuccherini ed amidacei del 35%, un eccellente contenuto di amminoacidi di qualità tra cui lisina, cisteina e metionina, una bassa percentuale di grassi, sali minerali e di acido fitico, infine possiedono un modesto contenuto di vitamine idrosolubili (B1 e B2), Vitamina C presente nel frutto fresco nell’ordine di 23 mg/100g, e la totale assenza di glutine.

Le foglie: presentano i seguenti principi attivi: tannini, flavonoidi derivati della quercetina, triterpeni (acido ursolico), glucidi, lipidi, protidi nei frutti, vitamina C, B1 e B2 e sali minerali. Sono utilizzate come espettorante, coadiuvanti nei trattamenti della tosse convulsiva.

Le gemme: trovano indicazione nel drenaggio linfatico, negli edemi di origine linfatica, nel’insufficenza venosa, nella pesantezza degli arti inferiori, nella cellulite per ristagno linfatico.

Il riccio: ricchi in carboidrati, amminoacidi essenziali, fibre, tocofenoli, tocotrienoli e polifenoli rappresenta una novità assoluta nel campo della fitocosmesi nel trattamento dermatologico come antiossidante.

La corteccia: decotti di corteccia sono utilizzati per lenire e disinfettare pelli irritate e arrossate.

Formulazioni Erboristiche

I principali preparati derivati dalla specie Castanea sativa Mill.sono:

  • Decotti: si utilizza il taglio tisana;
  • Tintura madre (macerato idroalcolico delle foglie fresche);
  • Gemmoderivato (macerato idroglicerico 1DH delle gemme fresche);

Controindicazioni ed effetti collaterali

Le castagne come frutto non andrebbero assunte da soggetti affetti da colite a causa delle fermentazioni intestinali che possono produrre. L’utilizzo del decotto di corteccia per uso interno è sconsigliato causa la rilevante quantità di tannini che potrebbero causare irritazioni alle mucose interne.

Castanea sativa Mill. tra storia e curiosità

Castagno del Cielo, Cerva (Cz) – Esemplare secolare di Castanea sativa Mill.

Intorno alla pianta del Castagno ruotava l’economia di sussistenza di intere comunità.
L’inchiesta agraria di fine 800 attesta che le castagne erano parte integrante della dieta soprattutto delle popolazioni delle aree più interne e montuose del Sud Italia. “La legna di castagno era utilizzata per lavori di lunga durata da bottaio, come doghe, mastelli, tini, secchie, tinozze e barili, ed anche per arredo (tavole, cassettoni, armadi, porte, persiane, telai per finestre): per la statistica francese i castagneti di Bagnara, Scilla, Palmi, Seminara, S. Anna, Melicuccà erano tutti indirizzati alla produzione di cerchi e doghe da botti destinati al mercato siciliano e internazionale.”

Dalla corteccia e dal legno della specie Castanea sativa Mill.si estraeva il tannino, un composto capace di precipitare i sali dei metalli pesanti, gli alcaloidi e le proteine, utile dunque per la concia delle pelli. L’impiego del legno e della corteccia alla fine dell’800 e inizi del 900 divenne molto consistente a tal punto che nel 1910 si adottò una legge mirata a limitare i danni apportati dalla sopracitata industria ai boschi d’Italia.

Indagini etnobotaniche riportano che dalla corteccia macerata si ricavasse una tintura per la colorazione della lana.

Castanea vesca Gaertn. è sinonimo di Castanea sativa Mill., equivalgono alla stessa specie.

Il riccio, contrariamente a quanto si pensa è il frutto mentre la castagna è il seme.

Il marrone proveniente da alberi coltivati e migliorati con innesti, si distingue dagli altri frutti per la di un ilo largo e a margini lisci.
Fra le diverse varietà di Marroni si ricorda: il Marrone Fiorentino, il Michelangelo e il Marrone di Marradi.

In Italia la castagna del Monte Amiata (Toscana), alcune varietà di marroni: Marrone di Castel del Rio, il Marrone del Mugello, il Marrone di San Zeno, una farina di castagne: farina di Neccio della Garfagnana; un miele di castagno: il miele della Lunigiana e la castagna di Montella (Campania) hanno conseguito il riconoscimento europeo di IGP e DOP.

L’Italia è il Terzo paese produttore di castagne a livello mondiale. Le regioni Campania e Calabria sono le prime regioni castanicole italiane in termini di tonnellate annue prodotte, seguono Lazio, Piemonte e Toscana.

Bibliografia

Acta Plantarum, 2007 in avanti – Progetto open source finalizzato allo studio della Flora spontanea d’Italia. Disponibile on line 11/10/2019: http://www.actaplantarum.org/.
Armiero M. 2002, “La ricchezza della Montagna” – Montagna – « Meridiana », n. 44, 2002.
Batini G. 1998. Buon appetito Toscana, Edizione Bonechi, Firenze.
Bianchi A. 2014, “Castanea sativa Mill. (Castagno)” -Le schede tecniche – novembre 2014 natural 1 t 43.
Borges P. et al., 2007, Lipid and fatty acid profiles of Castanea sativa Mill. Chestnut of 17 native Portuguese cultivar. Jornal of Composition and Analysis, n. 20: 80-89, doi:10.1016/j.jfca.2006.07.008.
Bounous G. 2002. Caratteristiche botaniche. In Il castagno – coltura, ambiente ed utilizzazioni in Italia e nel mondo, ed. Bounous G., 29-45 Bologna: Edagricole.
Bounous G. 2002. Raccolta. In Il castagno – coltura, ambiente ed utilizzazioni in Italia e nel mondo, ed. Bounous G., 125-128. Bologna: Edagricole.
Bounous G. 2002. Situazione in Italia. In Il castagno – coltura, ambiente ed utilizzazioni in Italia e nel mondo, ed. Bounous G., 191-192. Bologna: Edagricole.
Esposito T. et all. 2018, Ingrediente fitoattivo da scarti di castagna – (Castanea sativa): formulazione di un’emulsione cosmetica, valutazione della stabilità in vitro e della tollerabilità cutanea in vivo, FOCUS FITOCOSMESI – RICERCA, 52±57Natural 1.
Fidanza F., 2003 Fruttasecca, dieta mediterranea e salute. In “Frutticoltura e Ortofrutticoltura” n. 10: 45-48.
INRAN 2007 – Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione http://www.inran.it/.
Italia e nel mondo, ed. Bounous G., 103-115. Bologna: Edagricole.
Künsch U. et al., 2001 Effect of roasting on chemical composition an quality of different chestnut (Castanea sativa Mill) varieties. Journal of the Sciente of Food and Agriculture, n. 81: 1106-1112. doi: 10.1002/jsfa.916.
Pinnavaia G., 1986, Caratteristiche chimico-funzionali della farina di castagne e possibili impieghi in cottura estrusione. Giornate di studio sul castagno, Caprarola (Viterbo) 6-7 novembre 1986, pag. 125-131.
Righi Parenti G., 2001. La buona castagna. Ed Polistampa, Firenze.
Tagliaferro P.C., 2001. Castagne e marroni a tavola, Ed. Poilistampa, Firenze . Vannini A. et al. 2002. Patologie. In Il castagno – coltura, ambiente ed utilizzazioni in Italia e nel mondo, ed. Bounous G., 103-115. Bologna: Edagricole.

I contenuti in questo articolo sono presentati a solo scopo informativo, non sostituiscono il rapporto diretto tra medico e paziente e in nessun caso possono costituire la diagnosi o la prescrizione di un trattamento. Prima di assumere un integratore alimentare o un farmaco consultare sempre un medico o uno specialista. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito all’uso che gli utenti potrebbero fare delle indicazioni riportate nell’articolo stesso.

Condividi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Newsletter_benessererboristico
Entra subito nella community di benessererboristico.it e ricevi:
• "Sentieri di Benessere": tra temi, voci e righe di benessere, lo spazio di incontro e confronto in collaborazione ad una fitta rete di professionisti, dedicato alle tematiche, agli aspetti e alle caratteristiche che si muovono dietro il benessere.
• I nuovi articoli del mio blog, direttamente nella tua casella email.
• Anteprime e Novità per il tuo benessere naturale.

Potrebbero interessarti anche: