Melissa_officinalis_articolo_benessererboristico

Melissa: calma soluzione per una notte di sogni tranquilli

Calmante-sedativa, le proprietà spasmolidiche sull’apparato digerente e l’azione antisettica dell’olio essenziale della Melissa officinalis L.

di Francesco Marino

“Api sono coloro che consacrano la loro vita ai riti, e furono queste api-Ninfe a far desistere gli uomini da una dieta carnivora e a insegnare loro un regime vegetariano. Una di queste ninfe, Melissa, per prima scoprì dei favi, ne mangiò e mescolò miele e acqua; istruì le compagne e chiamò gli insetti melissai dal proprio nome.”

Aspesi F. 2001, Nympha Orientalis, Conference Paper (PDF Available) · October 2001 with 55 Reads, Conference: IX Convegno Internazionale di Linguisti – Milano, 8-10 ottobre 1998, At Milano

Melissa officinalis L. è una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Lamiaceae. La specie presenta fusti eretti, ramificati dall’altezza media di 30÷80 cm. Le foglie sono opposte, picciolate dalla forma ovale con lembi rugosi. Se sfregate le foglie emano un odore forte di limonene, caratteristica data dalla presenza dei peli ghiandolari presenti sui lembi, sito di secrezione degli oli essenziali. I fiori sono riuniti in verticillastri, dalla corolla bianca. Il frutto è un tetrachenio.

La droga della specie officinale è rappresentata dalle foglie.
Pianta originaria dell’Asia Occidentale è ampiamente diffusa in Europa, il suo habitat è rappresentato da luoghi abbastanza freschi come boschi, margini di boschi.
L’utilizzo della specie ha origine preclassica, già le popolazioni Arabe coltivavano e conoscevano e proprietà curative della pianta. Nell’epoca classica la Melissa officinalis L. è introdotta in medicina come sedativo per i disturbi di origine nervosa e spasmolitico intestinale.

Etimologia:

Melissa: dal greco μέλισσα mélissa ape, essendo una pianta mellifera per eccellenza;
officinalis: da offícina laboratorio medioevale: piante usabili in farmaceutica, erboristeria, liquoristica, profumeria e simili.

Proprietà

Le foglie della Melissa officinalis L. svolgono un’azione calmante-sedativa sul sistema nervoso centrale utilizzate nel trattamento dell’insonnia di origine nervosa.


Neuroprotettiva, coadiuvanti nei disturbi dell’apparato digerente di origine nervosa favoriscono la digestione, riducendo eruttazione, flatulenza e coliche intestinali.
L’efficacia terapeutica
delle foglie di Melissa officinalis L. è data dalla presenza di acidi fenolici quali: acido rosmarinico, caffeico, clorogenico, e composti appartenenti alla classe dei flavonoidi dei quali ricordiamo:quercitoside, ramnocitrina. La presenza di tali molecole bioattive, conferiscono alle foglie attività antivirali nei confronti dell’Herpes simplex.


L’ olio essenziale contenuto nei peli ghiandolari presenti sulle foglie, costituito da citronellale, citrale, ocimene, nerolo, geraniolo, β-cariofillene, germacrene presenta proprietà antibatteriche, antifungina e antispasmodica, utile nel trattamento dell’insonnia, nervosismo, ansia depressiva, disturbi digestivi, crampi dello stomaco e dismenorree mestruali.

Melissa officinalis L.

Formulazioni Erboristiche

I principali preparati erboristici derivati dalla specie Melissa officinalis L.sono:

  • Decotto: (si utilizza il taglio tisana delle foglie);
  • Tintura madre (macerato idroalcolico delle foglie fresche);
  • Olio Essenziale (distillato della pianta fresca);

Nota: L’olio essenziale di Melissa è caustico e irritante per le membrane e le mucose, è estremamente importante diluire il contenuto prima della somministrazione sia interna che esterna. L’olio essenziale non deve mai venire a contatto con gli occhi perché possono causare gravi irritazioni. Nell’impiego degli oli essenziali devono sempre essere prese in considerazione solo essenze purissime, nel caso della Melissa prendere in considerazione la chemiotassonomia. Prima di ogni trattamento rivolgersi al proprio medico o specialista.

La Melissa tra storia e curiosità

Il medico arabo Avicenna nell’XI le attribuiva la capacità di “confortare il cuore”.

Omero nell’Odissea descrive che: Rhea, divinità pre-olimpica figlia di Gea ed Urano, partorì Zeus a Creta, nell’antro Ideo – al cui ingresso si innalzava un albero –grotta sacra alle api e sede di rituali iniziatici, in cui né dio né uomo potevano entrare, e furono proprio le api sacre a nutrire il neonato col miele.

Lattanzio autore greco scrive: Le api della grotta divennero Ninfe, una di queste Melissa, fu la prima sacerdotessa della Magna Mater: lei e le sue sorelle verranno chiamate Melissai.

Paracelso la consigliava per potenziare la memoria.

Carlo Magno ne ordinò la coltivazione nei giardini medicinali del regno, in modo da averne sempre in abbondanza.

Durante il Medioevo, la Melissa ebbe un periodo di grande fama come pianta medicinale.

Nel ‘600 in Francia i monaci Carmelitani consideravano l’Acqua di Melissa il rimedio di tutti i malanni.

Melissa officinalis L. spp. officinalis è la specie più coltivata.

La specie Melissa officinalis L. spp. altissima è una sottospecie tetraploide avente un olio essenziale a composizione completamente differente dalla specie Melissa officinalis L.

Condividi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Newsletter_benessererboristico
Entra subito nella community di benessererboristico.it e ricevi:
• "Sentieri di Benessere": tra temi, voci e righe di benessere, lo spazio di incontro e confronto in collaborazione ad una fitta rete di professionisti, dedicato alle tematiche, agli aspetti e alle caratteristiche che si muovono dietro il benessere.
• I nuovi articoli del mio blog, direttamente nella tua casella email.
• Anteprime e Novità per il tuo benessere naturale.

Bibliografia

Acta Plantarum, 2007 in avanti – Progetto open source finalizzato allo studio della Flora spontanea d’Italia. Disponibile on line 11/10/2019: http://www.actaplantarum.org/.

Aspesi F. 2001, Nympha Orientalis, Conference Paper (PDF Available) · October 2001 with 55 Reads, Conference: IX Convegno Internazionale di Linguisti – Milano, 8-10 ottobre 1998, At Milano.

Barros L. et all 2013 Phenolic profiles of cultivated, in vitro cultured and commercial samples of Melissa officinalis L. infusions, Food Chemistry, Volume 136, Issue 1, 1 January 2013, Pages 1-8.

Čanadanović-Brunet J. et all. 2007, Radical Scavenging, Antibacterial, and Antiproliferative Activities of Melissa officinalis L. Extracts, Journal of Medicinal FoodVol. 11, No. 1.

Carnat A. P. et all. 1998, The aromatic and polyphenolic composition of lemon balm (Melissa officinalis L. subsp. officinalis) tea, Pharmaceutica Acta Helvetiae Volume 72, Issue 5, January 1998, Pages 301-305.

Carvalho de Sousa A. et all. 2010, Melissa officinalis L. essential oil: antitumoral and antioxidant activities, journal of pharmacy and pharmacology, Volume56, Issue5, Pages 677-681.

Dastmalchi K. et all. 2008, Chemical composition and in vitro antioxidative activity of a lemon balm (Melissa officinalis L.) extract, LWT – Food Science and Technology, Volume 41, Issue 3, April 2008, Pages 391-400.

Hohmann J. et all. 1999 Protective Effects of the Aerial Parts of Salvia officinalis, Melissa officinalis and Lavandula angustifolia and their Constituents against Enzyme-Dependent and Enzyme-Independent Lipid Peroxidation, Planta Med 1999; 65(6): 576-578, DOI: 10.1055/s-2006-960830.

Kennedy D.O. et all 2003, Modulation of Mood and Cognitive Performance Following Acute Administration of Single Doses of Melissa Officinalis (Lemon Balm) with Human CNS Nicotinic and Muscarinic Receptor-Binding Properties, Neuropsychopharmacology volume 28, pages1871–1881(2003).

Koksal E. et all. 2011 Antioxidant activity of Melissa officinalis leaves, Journal of Medicinal Plants Research Vol. 5(2), pp. 217-222, 18 January, 2011.

López V. et all. 2009, Neuroprotective and Neurological Properties of Melissa officinalis, Neurochemical Research, November 2009, Volume 34, Issue 11, pp 1955–1961.

Mimica-Dukin et all. 2004, Antimicrobial and Antioxidant Activities of Melissa officinalis L. (Lamiaceae) Essential Oil, . Agric. Food Chem. 2004, 52, 9, 2485-2489.

Sadraei H. et all. 2003, Relaxant effect of essential oil of Melissa officinalis and citral on rat ileum contractions, Fitoterapia, Volume 74, Issue 5, July 2003, Pages 445-452.

Zambrano-Intriago L. F. et all. 2015, Estudio etnobotánico de plantas medicinales utilizadas por los habitantes del área rural de la Parroquia San Carlos, Quevedo, Ecuador, Rev Univ. salud. 2015;17(1): 97-111.

I contenuti in questo articolo sono presentati a solo scopo informativo, non sostituiscono il rapporto diretto tra medico e paziente e in nessun caso possono costituire la diagnosi o la prescrizione di un trattamento. Prima di assumere un integratore alimentare o un farmaco consultare sempre un medico o uno specialista. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito all’uso che gli utenti potrebbero fare delle indicazioni riportate nell’articolo stesso.

Potrebbero interessarti anche: