“L’incanto della Primavera”

Ophrys classica Devillers-Tersch. & Devillers

Un elogio all’incanto del genere Ophrys e alle loro mirabili strategie funzionali all’autoimpollinazione.

La maggior parte delle piante a fiore invita a sé gli insetti impollinatori, donando loro una sorta di “ricompensa” ovvero nettare e sostanze zuccherine.

Alcuni piante a fiore però, non producendo alcuna ricompensa per l’insetto ospite, hanno escogitato strategie mimando il comportamento innato degli insetti impollinatori.

Come?
Tramite l’inganno sessuale!

Ophrys classica Devillers-Tersch. & Devillers

Ecco come:
Il labello funge da inganno sessuale per gli insetti riproducendo la forme dell’addome femminile ed emanando un odore simile ai feromoni femminili.
L’impollinazione avviene quando gli insetti maschi tentano di accoppiarsi con il fiore.

Charles Darwin nel 1981 aveva notato che i fiori erano visitati solo da insetti maschi.

Recenti studi hanno dimostrato come i fiori entrano in una sorta di competizione con le femmine dell’insetto pronubo, alterando leggermente il proprio odore risultando così più attraenti per gli insetti maschi.

Questa competizione data da “segnali legati a comportamenti innati già
presenti nel regno animale” rappresenta una sorta di parassitismo da parte della pianta nei confronti degli insetti impollinatori

Iscriviti alla Newsletter

Newsletter_benessererboristico
Entra subito nella community di benessererboristico.it e ricevi:
• "Sentieri di Benessere": tra temi, voci e righe di benessere, lo spazio di incontro e confronto in collaborazione ad una fitta rete di professionisti, dedicato alle tematiche, agli aspetti e alle caratteristiche che si muovono dietro il benessere.
• I nuovi articoli del mio blog, direttamente nella tua casella email.
• Anteprime e Novità per il tuo benessere naturale.

Condividi sui social

Bibliografia
Cozzolino S. 2017, Piante Troppo Furbe o Insetti Troppo Ingenui?, Atti Accademia Nazionale Italiana di Entomologia
Anno LXV, 2017: 181-184.

Potrebbero interessarti anche: