Calendula_officinalis_benessererboristico.it_dott._Francesco_Marino

Calendula: la “sposa del Sole” dona benefici sul ciclo mestruale e cura la pelle

Emolliente, cicatrizzante, antinfiammatoria, antimicrobica, Calendula officinalis L. attenua i dolori e regolarizza il ciclo mestruale.

di Francesco Marino

“In Jugoslavia una ragazza prende della terra dall’orma dell’uomo che ama, la mette in un vaso da fiori,
e vi pianta dentro una calendula
i cui fiori si dice che non appassiscano mai.
E come i suoi fiori d’oro crescono e fioriscono e non appassiscono mai, così l’amore del suo innamorato crescerà sempre

e sempre fiorirà per non appassire giammai.”


Frazer J.G., Il ramo d’oro 

Calendula officinalis L. è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Asteraceae.
Dal fusto eretto e ramificato alto 30÷40 cm, la specie si presenta dall’aspetto vellutato data la presenza di peli scabri e ghiandole che ricoprono tutta la pianta.
Le foglie dal colore verde-grigiastro sono sessili e disposte in modo alterno.

Dal giallo scuro all’arancione, dalla bellezza e indiscussa presenza i fiori determinano il nome del genere, infatti il nome del genere deriva dal latino calendae, a testimonianza del fatto che è possibile ritrovare in fiore la specie tutto l’anno.
I fiori si presentano riuniti nei caratteristici grossi capolini, ligulati disposti in una densa corona quelli femminili, tubulosi quelli maschili.

La droga della specie officinale è rappresentata dai fiori.
La specie originaria dell’Egitto e della zona Mediterranea, è stata coltivata fin dai tempi più antichi nella civiltà Egizia, Greca, Indù e Araba e successivamente nei giardini europei. Oggi la si ritrova naturalizzata in alcune regioni d’Italia, il suo habitat è rappresentato da campi incolti, prati ghiaiosi e ruderali dai 0 ai 600mt.

Il tipico movimento dato dal fototropismo della specie e i movimenti nictinastici dei fiori hanno fatto sí che nel tempo venissero attribuiti alla pianta significati astrologici e meteorologici.
Utilizzata nella medicina popolare come antipiretico, antinfiammatorio, nel trattare le bruciature della pelle e nella cura della lebbra, intorno al XII secolo si attesta l’inserimento della pianta nei prontuari terapeutici per le sue proprietà antibatteriche, antifungine, antinfiammatorie, decongestionanti, antiossidanti, immunostimolanti e spasmolidiche.

Etimologia

Calendula: dal latino “calendae” in allusione al periodo di fioritura che si protrae ogni mese.

Calendula:dal greco “Caltha”, χαλαϑος canestro, allusione alle infiorescenze simili ad un cesto di fiori.

officinalis:da offícina laboratorio medioevale dove venivano studiate e trasformate piante usabili in farmaceutica, erboristeria, liquoristica, profumeria e simili.

Proprietà

Il profilo metabolico dei fiori della specie Calendula officinalis L. è costituito dalla presenta di molecole bioattive appartenenti alla classe dei flavonoidi (calendoflavoside, calendoflacobioside, rutina, quercetolo e isoramnetolo), composti terpenici, olio essenziale (contente cadinoli), cumarine, carotenoidi (licopene e xantofille) e saponosidi.

Questi composti conferiscono ai fiori proprietà antinfiammatorie, antiossidante, antispasmodiche, immunostimolante, antibatteriche, antivirale e antimicotiche.

I fiori rappresentano un rimedio naturale nel favorire la funzione fisiologica dell’apparato riproduttore femminile, gli estratti di Calendula officinalis L. agiscono favorevolmente alleviando i dolori mestruali e premestruali (dismenorrea) e regolarizzando il flusso mestruale, anche in caso di amenorrea (mancanza di mestruazioni).

Antalgico nel trattamento delle affezioni del cavo orale e della mucosa orofaringea, svolge azione lenitiva sul tono della voce e migliora la funzionalità del sistema digerente.

Le proprietà antibatteriche la rendono un valido alleato contro infezioni da Bacillus subtulis, Staphylococcus aureus, Escherichia coli, Klebsiella pneumonia, Candida albicans and Aspergillus niger.

L’uso dei preparati erboristici a base di Calendula officinalis L. più conclamatoè sicuramente quello dermatologico.
Pomate, creme ed unguenti a base degli estratti dei fiori presentano proprietà emollienti, lenitive, idratanti e cicatrizzanti, utili nella cura di escoriazioni, piccole bruciature, eritema solare, eczemi, dermatosi, ferite e punture di insetti.

Formulazioni Erboristiche

I principali preparati erboristici derivati dalla specie Calendula officinalis L. sono:

  • Decotto: (si utilizza il taglio tisana delle infiorescenze);
  • Tintura madre (macerato idroalcolico dei fiori freschi);
  • Creme & Pomate (Estratto acquoso ed oleoso di Calendula, di più piante con Oli essenziali);
  • Tintura Oleosa – Oleolito (Estratto della pianta fresca in olio di oliva o di semi);
  • Unguento (Tintuta oleosa dei fiori di Calendula, cera d’api e olio essenziale)

Controindicazioni e Precauzioni d’uso

Non vi sono effetti collaterali noti registrati, si raccomanda di non assumere i preparati contenenti Calendula officinalis L. durante la gravidanza e l’allattamento e in caso di ipersensibilità alle Asteraceae.

Calendula tra storia e Curiosità

Solsequium con questo nome i latini identificavano la pianta, per il suo sbocciare all’apparire del sole e il suo chiudersi al tramonto sempre rivolti verso l’astro luminoso.

Per il suo “seguire il ritmo del giorno” la pianta nel medioevo prese il nome di solis sponsa “Sposa del Sole.”

Il genere Calendula include 15-20 specie.

William Shakespeare cita il fiore nel sonetto xxv “Dei grandi i favoriti apron le foglie quale calendula al sole si schiude,”

Calendula arvensis (Vaill.) L. è specie spontanea mediterranea.

Iscriviti alla Newsletter

Newsletter_benessererboristico
Entra subito nella community di benessererboristico.it e ricevi:
• "Sentieri di Benessere": tra temi, voci e righe di benessere, lo spazio di incontro e confronto in collaborazione ad una fitta rete di professionisti, dedicato alle tematiche, agli aspetti e alle caratteristiche che si muovono dietro il benessere.
• I nuovi articoli del mio blog, direttamente nella tua casella email.
• Anteprime e Novità per il tuo benessere naturale.

Condividi sui social:

Bibliografia

Acta Plantarum, 2007 in avanti – Progetto open source finalizzato allo studio della Flora spontanea d’Italia. Disponibile on line 11/10/2019: http://www.actaplantarum.org/.

Bergner P. 2005, Antiviral Botanicals in Herbal Medicine, Bergner, P. Antiviral Botanicals in Herbal Medicine. Medical Herbalism (Spring 2005)14(3):1-12.

Caliskan O. et all 2018, Flower yields of pot marigold (Calendula officinalis L.) plants as effected by flowering durations and number of harvests, Journal of Medicinal Plants Studies 2018; 6(6): 159-161.

Frazer J.G., Il ramo d’oro (The Golden Bough), Volume primo, traduzione di Lauro de Bosis, introduzione di Giuseppe Cocchiara, 1973 Editore Boringhieri SpA.

Ivancheva S. et all 2006, Pharmacological activities and biologically active compounds of Bulgarian medicinal plants, Phytochemistry: Advances in Research, 2006: 87-103 ISBN: 81-308-0034-9, Editor: Filippo Imperato.

Kasielke Till 2010, Pflanzenporträt: Calendula officinalis – GartenRingelblume, Heilpflanze des Jahres 2009, und Calendula arvensis – Acker-Ringelblume (Asteraceae), Jahrb. Bochumer Bot. Ver. 1, 193-196.

Kaviena Baskaran 2015, Pharmacological Activities of Calendula Officinalis, International Journal of Science and Research (IJSR), ISSN (Online): 2319-7064 Index Copernicus Value (2015): 78.96 | Impact Factor (2015): 6.391.

Khalid A. et all 2012, Biology of Calendula officinalis Linn.: Focus on Pharmacology, Biological Activies and Agronomic Practices, Medicinal and Aromatic Plant Science and Biotechnology, 2012 Global Science Books.

Medhini N. et all 2012, Effect of Calendula officinalis extracts on the nutrient components
of different tissues of tobacco cutworm, Spodoptera litura Fabricius, JBiopest, 5 (Supplementary): 139 – 144 (2012).

Mukesh Kr. S. et all 2011, Organoleptic properties in-vitro and in-vivo pharmacological activities of
Calendula officinalis Linn: An over review, J. Chem. Pharm. Res., 2011, 3(4):655-663.

Muley B. P. et all 2009, Phytochemical Constituents and Pharmacological Activities of Calendula officinalis Linn (Asteraceae): A Review, Tropical Journal of Pharmaceutical Research, October 2009; 8 (5): 455-465.

I contenuti in questo articolo sono presentati a solo scopo informativo, non sostituiscono il rapporto diretto tra medico e paziente e in nessun caso possono costituire la diagnosi o la prescrizione di un trattamento. Prima di assumere un integratore alimentare o un farmaco consultare sempre un medico o uno specialista. Il sito non si assume alcuna responsabilità in merito all’uso che gli utenti potrebbero fare delle indicazioni riportate nell’articolo stesso.

Potrebbero interessarti anche: